Blog Gratis
Tipopa Incontri Online
cerca


 
ARCICONFRATERNITA : / ( SAN TARCISIO MARTIRE ) :::::

VENERDI SANTO 2009

VENERDI SANTO

La processione del Venerdì Santo è una rappresentazione drammatica con tutti i canoni e le simbologie proprie di tale espressione; la presentazione dei penitenti, l’invito al popolo per constatare la morte del Cristo, il racconto degli eventi attraverso la presentazione dei Simboli della Passione il Tragico Epilogo, il canto di pentimento il dolore della Madre.
La Confraternita da prima si presenta:
quattro incappucciati, scelti tra i partecipanti di maggiore altezza, ciascuno recante un lampione, mostrano il titolo del sodalizio scritto e con ricami in oro su una fascia trasversale color cremisi indossata al disopra del saio. Seguono altri quattro incappucciati con fascia trasversale color cremisi, anche essi recanti lampioni.
Viene quindi l’annuncio, l’inno dei bambini che invoca e chiama il popolo affinchè accorra e pianga. Lo stendardo e la Croce col Pannetto con i loro lacci e fiocchi portati da incappucciati.
Inizia poi il racconto dei fatti secondo la descrizione evangelica con la presentazione dei Simboli della Passione portati da incappucciati disposti singolarmente o a coppia ed illuminati da due lampioni o fiaccole uno per lato. Chiude la serie dei simboli della passione una fila di quattro incappucciati con lampioni ed apre la parte centrale della processione epilogo del dramma.
La statua del Cristo Morto che è preceduta dal Parroco e dal Clero della Parrocchia, viene portato a spalla da sedici portanti, indossanti il saio ed il cappuccio aperto, che si alternano a gruppi di quattro.
Quattro incappucciati con fascia di color cremisi, due per lato, illuminano la statua con fiaccole accese.
Precede il Cristo Morto un gruppo di bambini indossanti saio e cappuccio aperto, che portano cestini di garofani rossi.
Segue, quindi, il coro del Miserere che interpreta per tutti il pentimento e l’invocazione del perdono dei peccati. La statua della Madonna Addolorata, Vestita di Nero segue il Figlio Morto. È portata a spalla da sedici portanti, Tutti indossanti il saio e con il cappuccio aperto, che si alternano a gruppi di quattro, ed è illuminata con quattro lampioni portati da altrettanti incappucciati indossanti una fascia trasversale color cremisi.
Chiudono la processione i confratelli che svolgono incarichi particolari, i Consultori, il Tesoriere, il Segretario ed infine gli Assistenti ed il Priore.
Il Padre Spirituale, partecipa nella sua funzione principale di Parroco, assistito dal Clero della Parrocchia. Segue la processione del Cristo Morto il labaro del Comune di Sant’Agnello portato da un vigile urgano in alta uniforme, il Sindaco con la fascia tricolore delle cerimonie ufficiali, gli Assessori, i Componenti del Consiglio Comunale ed infine le rappresentanze della Società Operaia di Mutuo Soccorso, delle Associazioni Civili e Religiose ed il popolo in preghiera.

 

 

 

 

 

2:19 - 2009-09-09 - Inserisci Commento

Pagina Precedente Pagina sucessiva

Blog Menu
- Pagina Principale
- Archivio Post
- Album fotografico
- MaxiBlog Amici
- Il Mio Profilo

Post Recenti
- F....
- VENERDI SANTO 2009
- LA PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI //
- La storia della Statua del Cristo Morto
- La storia della statua della Madonna Addolorata

I Miei Link
- Incontri Online
- Hotel e Alberghi
- ARC.. PIO MONTE DEI MORTI
- Arciconfraternita SS Crocifisso Pio Monte dei Morti Meta
- L'assegnazione dei Martiri ARC.. PIO MONTE DEI MORTI

I Miei Amici
Blog Gratis | Facebook Italia